«Io, Marina, coach di calcio Ma non chiamatemi trans»

Allena la Salernitana femminile, è stata anche un portiere: «Basta curiosità, sono una donna che è diventata donna. Le cure ormonali ora sono un ricordo» shadow totale voti 0 0 0 Da Guardare Evidenzia on off Stampa Ascolta Email Le si può chiedere tutto, ma la si può definire con difficoltà. Primo: perché non ha granché

Articolo originale